Imposta Unica Comunale

Novità 2016

Dal 1° gennaio 2016:

  • viene eliminata la TASI sull'abitazione principale per i possessori e la quota TASI a carico degli occupanti/inquilini quando l'immobile è adibito a loro abitazione principale; rimane invece in vigore la TASI per le abitazioni principali di lusso (Categoria A1, A8 e A9);
  • per legge è introdotta una nuova disciplina per le unità immobiliari concesse in comodato (IstruzioniModello dichiarazioneRisoluzione N.1/DF);
  • non è dovuta l’IMU per i terreni agricoli;
  • è prevista la riduzione delle imposte IMU e TASI del 25% per gli immobili ad uso abitativo locati a canone concordato ai sensi della Legge n. 431/1998;
  • é possibile presentare atti di aggiornamento catastale per la rideterminazione della rendita degli immobili escludendo i cd. imbullonati (macchinari, congegni attrezzature ed altri impianti funzionali allo specifico processo produttivo).

Cosa è la IUC

Con Legge n. 147/2013 è stata istituita decorrere dal 1° gennaio 2014 l'Imposta Unica Comunale - IUC - che si compone di una imposta di natura patrimoniale, l’IMU, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili - TASI - e nella Tariffa sui rifiuti.

La TASI, il nuovo tributo per i servizi indivisibili comunali, è a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell’immobile (per quest’ultimo nella misura del 30%), e la base imponibile è la stessa dell’IMU.

La Tariffa corrispettiva per il servizio di gestione dei rifiuti è applicata e riscossa da S.A.V.N.O. scarl con le stesse modalità degli anni scorsi, sulla base del numero dei componenti il nucleo familiare e del numero degli svuotamenti della frazione secca.

Per l’anno 2016 sono dovute al Comune di Vittorio Veneto l’IMU e la TASI, rimaste invariate nelle aliquote rispetto all'anno precedente. Per il mese di giugno il pagamento in acconto dell’Imu è calcolato al 50% di quanto versato nel 2015. Nella tabella che segue si riepilogano le casistiche dell’Imu re e della Tasi dovuta alle rispettive scadenze di acconto e saldo per l’anno 2016 del 16 giugno e del 16 dicembre, individuando per ciascuna tipologia, le aliquote applicabili.

Si ricorda infine che, mentre per l’Imu sulle abitazioni principali riferita alle categorie di lusso (A/1 e A/8) è applicabile la detrazione di euro 200,00, alla Tasi non si applica alcuna detrazione.

Aliquote

Tipo immobile Categoria catastale Quale imposta è dovuta e da chi Quando e come si paga
  IMU TASI IMU TASI
Abitazione principale e relative pertinenze ammesse

da A/2 a A/7, e pertinenze C/2, C/6 e C/7

NO NO Non dovuta  Non dovuta
Abitazione principale di lusso e relative pertinenze ammesse

A/1 e  A/8 e pertinenze C/2, C/6 e C/7

SI SI possessore

Acconto entro il 16 giugno e saldo entro il 16 dicembre con aliquota 4 per mille e detrazione di € 200,00

Acconto entro il 16 giugno e  saldo entro il 16 dicembre con aliquota 2 per mille
Abitazioni non principali e  pertinenze eccedenti quelle ammesse da A/1 e  A/8 e pertinenze C/2, C/6 e C/7 SI

SI possessore e detentore

Acconto entro il 16 giugno e  saldo entro il 16 dicembre con aliquota 7,6 per mille

Acconto entro il 16 giugno e saldo entro il 16 dicembre con aliquota 1 per mille

Capannoni industriali,  commerciali e a destinazione speciale ad esclusione di quelli destinati a centrale idroelettrica e relativi impianti da D/1 a D/8 SI SI possessore e detentore Acconto entro il 16 giugno e  saldo entro il 16 dicembre solo allo Stato con aliquota 7,6 per mille

Acconto entro il 16 giugno e saldo entro il 16 dicembre con aliquota 1 per mille

Capannoni industriali,  commerciali e a destinazione speciale destinati a centrale idroelettrica e relativi impianti da D/1 a D/8 SI SI possessore e detentore Acconto entro il 16 giugno e  saldo entro il 16 dicembre solo allo Stato con aliquota 7,6 per mille

Acconto entro il 16 giugno e saldo entro il 16 dicembre con aliquota 2 per mille

Fabbricati rurali strumentali all’attività agricola D/10 o con annotazione di ruralità NO SI possessore Non dovuta

Acconto entro il 16 giugno e saldo entro il 16 dicembre con aliquota 1 per mille

Altri fabbricati SI SI possessore e detentore Acconto entro il 16 giugno e saldo entro il 16 dicembre  con aliquota 7,6 per mille

Acconto entro il 16 giugno e saldo entro il 16 dicembre con aliquota 1 per mille

Terreni agricoli NO NO Non dovuta Non dovuta

Aree edificabili

SI SI possessore Acconto entro il 16 giugno e saldo entro il 16 dicembre con aliquota 7,6 per  mille Acconto entro il 16 giugno e saldo entro il 16 dicembre con aliquota 1 per mille
“Beni merce” fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita NO SI possessore Non dovuta Acconto entro il 16 giugno e saldo entro il 16 dicembre con aliquota 1 per mille

 

Definizioni principali

Abitazione principale e relative pertinenze:

  • è abitazione principale l’unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente;
  • per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna categoria catastale indicata.

Abitazioni equiparate a quella principale per regolamento comunale (art. 6):

  • abitazioni di proprietà di anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari, purché non locate.

Abitazioni equiparate a quella principale per legge:

  • unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
  • fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali;
  • casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio (per l’Imu il coniuge assegnatario è il solo soggetto passivo, mentre per la Tasi valgono le rispettive quote di possesso ovvero, se il coniuge assegnatario non è proprietario, paga la quota riferita all’occupante);
  • fabbricato, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto e non concesso in locazione, da parte di personale in servizio permanente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare, personale dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, personale del corpo nazionale dei Vigili del fuoco, personale appartenente alla carriera prefettizia (per i quali non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica).

Fabbricati rurali abitativi:

  • sono considerati abitazione principale se utilizzati come tali dal soggetto passivo;
  • sono considerati altri fabbricati se non utilizzati o se utilizzati da soggetti diversi dai dipendenti esercenti l’attività agricola a tempo indeterminato o per un numero di giornate lavorative superiore a 100 all’anno.

Fabbricati rurali ad uso strumentale:

  • in quanto utilizzati dai dipendenti esercenti l’attività agricola a tempo indeterminato o per un numero di giornate lavorative superiore a 100 all’anno;
  • secondo quanto disposto dall’art. 9, comma 3-bis, del D.L. n. 557/1993;
  • che presentano negli atti catastali la specifica annotazione conseguente alle domande di variazione catastale presentate - ai sensi del D.L. 70/2011 - entro il termine del 30 settembre 2012 (art. 2, comma 5–ter, D.L. n. 102/31.08.2013).

“Beni merce” delle imprese costruttrici:

  • fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati (art. 2, commi 1 e 2, lett. a), del D.L. n. 102 del 31.08.2013).

Codici per modello F24

Tributo Codice Descrizione
IMU di competenza del Comune 3912 abitazione principale e pertinenze
  3913 fabbricati rurali ad uso strumentale
  3914 terreni agricoli
  3916 aree edificabili
  3918 altri fabbricati
  3930 fabbricati industriali, categoria D – incremento COMUNE
 
IMU di competenza dello STATO 3925 fabbricati industriali, categoria D – aliquota 7,6 per mille
 
TASI di competenza del Comune 3958 abitazione principale e pertinenze
  3959 fabbricati rurali ad uso strumentale
  3960 aree edificabili
  3961 altri fabbricati
 
Codice Comune da utilizzare nel modello F24: M089

 

  • IUC

    Calcolo online dell'Imu e della Tasi

    Leggi