7 ottobre – 10 dicembre 2017 Nuova mostra alla Galleria Civica "Vittorio Emanuele II": "Intorno alla Tomba Brion. Carlo Scarpa e il paesaggio"

"D'estate è molto bello; volano le rondini... Questo è l'unico lavoro che vado a vedere volentieri, perché mi sembra di aver conquistato il senso della campagna, come volevano i Brion. Tutti ci vanno con molto affetto; i bambini giocano, i cani corrono: bisognerebbe fare tutti i cimiteri così." Carlo Scarpa, "Mille Cipressi" – lectio magistralis, Madrid 1978.

Così Carlo Scarpa parlava del Mausoleo di San Vito di Altivole, tra le sue opere più note, che si offre al visitatore quale moderna “macchina per elaborare il lutto”, di cui un elemento fondamentale è il rapporto con quella campagna asolana il cui “senso” l’architetto veneziano sentiva di essere riuscito a cogliere; il paesaggio rappresenta infatti un termine di confronto fondamentale per Scarpa, le cui esperienze progettuali (molte delle quali in ambito museale-espositivo) lo mettono in contatto con gli artisti del Rinascimento veneto – Bellini, Giorgione, Tiziano – che al paesaggio affidano un ruolo nuovo e moderno.

Ed a quest’opera è dedicata la mostra “Intorno alla Tomba Brion. Carlo Scarpa e il paesaggio”, realizzata grazie alla collaborazione tra le Amministrazioni Comunali di Vittorio Veneto e di Altivole e curata da Stefano Volpato, che verrà inaugurata sabato 7 ottobre, alle ore 18.30, nello spazio espositivo della Galleria Civica “Vittorio Emanuele II” di Vittorio Veneto (Villa Croze, Viale della Vittoria 321).

Viene quindi proposta una lettura “Intorno alla Tomba Brion” che si basa sulla campagna di documentazione fotografica realizzata dal fotografo Giovanni Cecchinato, si definisce dal confronto con lo sguardo dello stesso Scarpa sulla propria opera – gli scatti licenziati nel 1977 dall’architetto veneziano nella plaquette in edizione limitata Memoriae Causa, esposta in copia originale – e si arricchisce del prezioso contributo di Riccardo De Cal, regista e autore di alcuni pluripremiati lavori su Carlo Scarpa, con una videoinstallazione ed alcuni filmati.

“La mostra – dichiara l’assessore alla Cultura Antonella Uliana – si pone come un altro evento nel panorama espositivo autunnale della città, che focalizza l’attenzione, insieme alla mostra “Shape” a Palazzo Todesco sul tema dell’architettura. Le due mostre insieme propongono una importante riflessione sull’architettura moderna e contemporanea e il suo rapporto con il paesaggio e l’ambiente.”

La mostra rimarrà aperta fino al 10 dicembre 2017 con il seguente orario: sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 17, oppure su prenotazione; il biglietto d’ingresso per la visita alla mostra ed alla collezione permanente è di € 3 (ridotto € 2). Per informazioni: www.galleriavittorio.it.