Cerimonia di consegna del 2° Premio "Vittorio Veneto Città della Vittoria"

Viene consegnato lunedì 14 novembre il secondo Premio "Vittorio Veneto Città della Vittoria", riservato al personale della Forza Armata che si è distinto in episodi o in atti eroici di grande valore in occasione di pubbliche calamità o in bonifiche occasionali del territorio da ordigni bellici.

La cerimonia ufficiale di consegna avverrà alle ore 11.30, presso l’aula civica del Museo della Battaglia, alla presenza del Sindaco di Vittorio Veneto Roberto Tonon, del Comandante Com. F. OP. Nord Gen. C. A. Bruno Stano, e del sottosegretario al Ministero della difesa  On. Domenico Rossi.

Per la sezione “Concorso al bene della collettività nazionale”, il premio 2016 è stato assegnato al Serg. Magg. Ca. Ciro Di Gennaro, con la seguente motivazione.
“In data 29 aprile 2015, durante i lavori di scavo inerenti alla costruzione di un parcheggio interrato nell’area dell’ex arsenale austriaco di Verona, veniva rinvenuto un ordigno di grandi dimensioni, del tipo bomba d’aereo. L’8° reggimento genio Guastatori “Folgore”, inviava un team di ricognizione con il Serg.Magg.Ca. Di Gennaro designato quale Capo Nucleo di bonifica che identificava l’ordigno come Bomba d’aereo tipo G.P. AN-M64 da 500 libbre di fabbricazione statunitense (USA), che giudicava irremovibile fino ad avvenuto despolettamento. L’evento veniva subito classificato come “intervento complesso di bonifica occasionale del territorio” assumendo rilevanza mediatica vista la posizione dell’ordigno, in pieno centro storico di Verona. Il giorno 14 giugno, una volta effettuata l’evacuazione della popolazione (circa 40.000 persone) e messa in sicurezza l’intera area, il Serg. Magg. Ca. Di Gennaro effettuava il despolettamento della bomba, non senza rischi e dimostrando estrema professionalità nell’affrontare un delicato intervento di sostituzione di una "chiave a razzo", impiegata per lo svitamento a distanza delle spolette dell’ordigno, rottasi durante tale fase. Il giorno successivo veniva completata l’attività di bonifica, attraverso il trasferimento della bomba presso l’aeroporto di Boscomantico di Verona, ove, agli ordini del Serg. Magg. Ca. Di Gennaro, la stessa veniva fatta brillare portando così a termine un intervento di bonifica occasionale del territorio fra i più complessi e delicati".

Per la sezione “La vittoria è la pace”, il premio 2016 è stato assegnato all’Artigliere Francesco Gurrì con la seguente motivazione:
“Componente di una pattuglia operante nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure” nella città di Modena, in servizio presso il Tribunale della prefata città, il 26 ottobre 2015, allertato da un passante sulle pessime condizioni di salute di un magistrato, interveniva prontamente per soccorrerlo, assicurandone le funzioni respiratorie che fino ad allora erano interdette. La  prontezza nel prestare i primi soccorsi all’uomo risultava determinante in attesa dell’intervento dei sanitari del 118 che, successivamente, lo trasportavano presso il locale ospedale. Dava così prova di eccezionale capacità decisionale, grande coraggio e mirabile altruismo. Chiarissimo esempio di Soldato di nitido rilievo che ha evidenziato una grande passione e spirito di sacrificio, un’esemplare competenza ed un altissimo senso del dovere. Il suo operato ha contribuito in maniera significativa ad accrescere il prestigio del proprio Reggimento e della Forza Armata”.

“Abbiamo istituito con orgoglio questo Premio – afferma il sindaco Roberto Tonon – per testimoniare una volta il più il legame ancora vivo della nostra Città con le Forze Armate. E ci piace al tempo stesso sottolineare come il Premio sia un riconoscimento per operazioni di coraggio e di sicurezza per la popolazione, nelle quali i nostri militari sono sempre pronti a distinguersi. Ai due premiati il plauso della Città e il ringraziamento per quanto fanno”.