"Raccontami una storia" - al nido comunale incontri di lettura tra grandi e piccini

Gli studenti della V Liceo Linguistico Europeo dell’Istituto Santa Giovanna d’Arco, coordinati da un’insegnante di inglese, mamma di una bimba che frequenta il nido, sono stati i protagonisti, nei giorni scorsi, di una mattinata speciale per i piccoli ospiti dell'asilo nido comunale. I ragazzi liceali hanno sapientemente messo in scena la lettura animata di “Alice in Wonderland” di Lewis Caroll, lasciando i piccoli spettatori letteralmente a bocca aperta.

Si è trattato di un ​momento proficuo ​per​ bambini e ragazzi, che ha messo in moto uno scambio di emozioni ma anche di competenze, abilità e scopi, dal quale ognuno si è portato a casa qualcosa di importante.

Questa esperienza ha dato altresì la possibilità di riflettere sull’importanza della continuità verticale e curriculare tra i diversi ordini scolastici, partendo già da quello prescolastico.
"Crediamo convintamente nell'importanza di promuovere la lettura fin dai primi anni di vita - commenta l'assessore al sociale e alla condizione giovanile Barbara De Nardi - e lo dimostra il fatto che abbiamo aderito con entusiasmo a “Nati per Leggere”, il progetto nazionale per la promozione della lettura ad alta voce da parte degli adulti ai bambini fin dalla più tenera età da 0 ai 6 anni, nato dall'alleanza tra bibliotecari e pediatri.
Dal 2015 l’Amministrazione Comunale di Vittorio Veneto accoglie nella comunità cittadina i nuovi nati donando loro un libriccino (a scelta tra tre titoli), consegnandolo direttamente ai genitori al momento dell’iscrizione all’anagrafe assieme a materiale informativo sul servizio biblioteca e sul progetto: per promuovere una precoce familiarità dei bambini con i libri, per creare un contatto diretto e partecipato tra il genitore e il bambino destinatario della letturaper far comprendere alle mamme e ai papà quanto la lettura sia fondamentale fin dalla più tenera età.

​B​envengano dunque iniziative come quella degli studenti dell'Istituto Santa Giovanna d'Arco, che ringrazio. Il tempo speso nella lettura, per sè e per gli altri​,​ è un tempo ben speso, direi un tempo investito. E un investimento garantito".